Imation Link Power Drive

I milioni di possessori di iPhone, nell’uso quotidiano del dispositivo, avranno sicuramente riscontrato il problema della durata della batteria e, per i modelli con di memoria da 16 GB, anche il problema dello spazio a disposizione per la gestione dei multimediali.

Imation_LINK_PowerDrive_18
Fino ad ora il problema della batteria è stato risolto con l’ausilio delle numerose power bank presenti sul mercato. Ma come risolvere anche il problema dello spazio a disposizione? A questo ci pensa Imation Link Power Drive. Quest’ultimo è un piccolo dispositivo in perfetto stile Apple, dove i colori dominanti sono il grigio alluminio e il bianco. La particolarità dell’Imation Link Power Drive è che in un unico accessorio offre sia una batteria da 3.000 mAh sia hard drive portatile (con memoria flash) disponibile in tagli da 16/32/64 GB.
Del peso di soli 110 gr e dalle dimensioni molto compatte, questo dispositivo si presenta con due cavi estraibili, uno per connessione USB (per PC/MAC) e l’altro di tipo Lightning per la connessione con i dispositivi IOS. Presenta inoltre un pulsante che, attraverso dei led, restituisce una volta premuto, il livello di carica residua. Non manca anche una sorta di cassettino/stand per l’appoggio dello smartphone durante la ricarica.

Imation_LINK_PowerDrive_17

La metodologia di utilizzo come batteria supplementare non si discosta dalle altre power bank: Imation Link Power Drive, una volta acceso e connesso all’iPhone o ad altro dispositivo iOS (iPad o iPod con connettore Lightning) fornirà energia sufficiente ad una ricarica completa.

Imation_LINK_PowerDrive_14
Per quanto riguarda la funzione di storage e scambio è necessario scaricare la relativa App dallo store di Apple. Una volta installata vi basterà collegare il Power Drive che andrà subito a connettersi ad essa e l’apertura sarà automatica. L’interfaccia si presenta con quattro semplici grosse icone.
Memoria locale, si riferisce alla memoria dello smartphone, a sua volta preconfigurata per l’archiviazione in cinque diverse cartelle. Qui troveremo i file che avremo trasferito dall’Imation Link Power Drive all’iPhone. Power Drive, si riferisce alla memoria del dispositivo Imation. Anche in questo caso è presente la suddivisione cartelle di default. Qui troveremo i file che avremo trasferito dal PC o dall’iPhone al Power Drive. L’icona Contatti abilita la funzione che permette un veloce backup dei contatti presenti sul telefono, mentre tramite l’icona Catalogo Multimediale, è possibile trasferire foto e video presenti sullo smartphone direttamente sul Power Drive con pochi tap. Comoda la possibilità di poter disabilitare la batteria spegnendo il dispositivo e di usare quindi la sola funzione di trasferimento dati. Unica pecca, il cavo USB per il collegamento al PC davvero troppo corto, soprattutto se si vuole collegare a PC Desktop o iMac che non dispongono di porte USB facilmente accessibili come possono essere quelle di notebook e MacBook.

Imation_LINK_PowerDrive_3

Giudizio

Il modello da noi testato è quello con capacità da 16 GB, venduto al costo di 89 euro. Un prezzo non di certo basso, se si pensa che una power bank da 3.000 mAh costa circa 15 euro e un hard disk esterno con memoria flash da 16 GB si può trovare a 30 euro, e forse anche a qualcosa meno. Però qui ci troviamo di fronte a un solo prodotto, quindi molto pratico da avere sempre con se per essere utilizzato in entrambi gli impieghi. Per il resto l’app è semplice e immediata, e la ricarica avviene velocemente. Piccolo neo il cavetto USB troppo corto, problema risolvibile con una prolunga USB che si può recuperare per pochi euro. Un dispositivo quindi un po’ costoso, ma che può risolvere ben due problemi molto sentiti come quello della batteria scarica e dello spazio in esaurimento del nostro amato iPhone.

VOTO: 85/100
like Molto compatto

Fluida e semplice la navigazione all’interno dell’app.

Possibilità di disabilitare le batteria  e usarlo solo per trasferire i dati.

 

dontlike
Cavetto USB per il collegamento al PC troppo corto

 

 

 

Si ringrazia Claudio Codazzi per la recensione